Il trattamento dell’acqua negli impianti

Il corretto condizionamento dell’acqua negli impianti sia di raffreddamento che di riscaldamento è importante, lo abbiamo sottolineato diverse volte.

Più volte abbiamo sottolineato che una incrostazione o lo sporcamento dei sistemi di scambio termico e di generazione di energia termica:

è determinante per il corretto funzionamento ed il mantenimento delle prestazioni di progetto.

Le incrostazioni però colpiscono anche tutti gli organi installati sui circuiti…

Proprio nei giorni scorsi siamo intervenuti su di un impianto, dove sono installate un certo numero di valvole automatiche, modulanti.

Dopo circa 18 mesi di funzionamento regolare, il cliente chiama allarmato, in quanto alcune valvole risultano non funzionanti.

In un primo tempo di pensa ad un problema di attuatori, ma dopo un rapido controllo, ci si rende conto che sono proprio le valvole che non funzionano, la parte meccanica risulta bloccata.

Durante una fermata notturna dell’impianto, si procede allo smontaggio di una delle valvole, trovando il corpo completamente incrostato e praticamente inutilizzabile.

Si prova a revisionarle, ma lo strato di incrostazioni e di ossidi di ferro ha intaccato seriamente gli otturatori, risulta meno costosa la sostituzione dei corpi.

Facciamo una analisi dell’acqua del cliente ed in collaborazione con degli specialisti centriamo immediatamente un trattamento chimico da applicare, che viene “caldamente” consigliato al cliente.

Due giorni dopo, l’impianto è di nuovo in funzione al 100%, fortunatamente le valvole in questione erano dedicate alle emergenze…e nei due giorni di fermo valvole, non ce ne sono state. Nel frattempo erano strato installate valvole manuali per ogni evenienza.