Chiller nella produzione farmaceutica

In settimana abbiamo collaudato un piccolo impianto pilota, per il raffreddamento di un mixer per la preparazione di prodotti farmaceutici.

TCHILL chiller for pharmaceutical applications

Si tratta di un piccolo impianto pilota, cui seguirà in scala l’impianto di produzione, una volta definite le necessità produttive.

Nel suo piccolo, ha alcune peculiarità che consentono di utilizzarlo in modo flessibile.

Infatti il sistema in questione consente di lavorare con un range di raffreddamento molto ampio, da -15°C fino a +20°C, semplicemente modificando l’impostazione del set point.

Ovviamente le capacità in termini di resa frigorifera variano, ma per questo tipo di applicazioni, dove va ancora ben definita lo schema termico, questa apparecchiature sono ideali.

Questo piccolo gruppo frigorifero gode delle ultime novità di cui parlavo qualche post addietro, che lo rendono una macchina particolarmente flessibile e versatile.

Nello specifico il cliente ha aggiunto nel circuito chiuso antigelo T-UNREEZE, per evitare rischi di rotture e congelamenti.

Di seguito una rapida tabella inerente le percentuali da aggiungere alle varie temperatura di utilizzo.

percentuale antigelo T-UNFREEZE

Potrebbero interessarti anche:

  1. Chillers on pharma applications