5 informazioni per controllare la temperatura di una produzione “pharma”

Le centraline per il controllo della temperatura Tempco, vengono impiegate in molteplici campi applicativi.

Negli ultimi mesi, stiamo realizzando una serie di unità di termoregolazione dedicate ad impianti di produzione molto diversificati:

  • principi attivi
  • antibiotici
  • bulk
  • acido ialuronico
  • essiccazione di prodotti in polvere

In ogni caso tutti in batch, quindi prodotti in reattori che vengono termoregolati con precise rampe di salita/discesa della temperatura.

La difficoltà che spesso ci viene fatta notare è legata al calcolo della potenza di riscaldamento/raffreddamento e della portata del fluido di termoregolazione in ricircolo.

Quindi…ecco la soluzione in 5 semplici punti.

Informazioni determinanti:

  1. capacità del reattore, ovvero il volume…meglio la quantità di prodotto contenuto alla massima produzione
  2. tipo di prodotto, di conseguenza caratteristiche fisiche
  3. range di temperatura di lavoro
  4. tempi di riscaldamento/raffreddamento
  5. peso dell’apparecchiatura (reattore, essiccatore ecc…)

definiti questi 5 semplici punti, con un foglio excel o una calcolatrice, il calcolo della potenza di riscaldamento e di raffreddamento diventano un gioco da ragazzi.

Per determinare la portata in ricircolo, solitamente consideriamo un salto termico che in caso di riscaldamento può variare da 15°C a 20°C, in raffreddamento da 5°C a 10°C.

Se poi avete dei dubbi, contattate il nostro ufficio tecnico, che vi fornisce il supporto per verificare al meglio le vostre necessità.

supervisor in temperature production control process